Cronaca

Accoltella la ex, poi confessa ai Cc: “Le ho dato tante coltellate, spero sia morta. Ora mi ammazzo”

BARI – “Ho fatto una cazzata”: così l’uomo di 35 anni che ieri a Monopoli, nel Barese, ha accoltellato la donna con cui aveva avuto una relazione e un figlio ha definito ai carabinieri quello che aveva appena fatto.

Ovvero di essersi accanito con inaudita violenza sul corpo della sua ex trafiggendolo una ventina di volte con un coltello e riducendo la donna in fin di vita. L’uomo è da ieri sottoposto a fermo per tentato omicidio.

“Mi ha rovinato la vita”, ha scritto in un biglietto lasciato alla sua ex suocera. Perché era convinto che la ex, sua coetanea e impiegata in una azienda agricola, lo tradisse.

Più volte avevano litigato, più volte era finita male tanto che lei lo aveva denunciato per maltrattamenti e atti persecutori. Aveva paura di lui, tanto da portare con un sé un mattarello in legno.

Lo stesso che sua madre ha usato nell’estremo tentativo di difenderla colpendo alla testa l’uomo che, nonostante perdesse sangue, continuava a infierire sul corpo martoriato della figlia.

Ora è in stato di fermo perché poteva fuggire, così come ha fatto all’alba di ieri dopo aver aggredito la vittima. In quei minuti in cui vagava in auto, ha telefonato al suo datore di lavoro.

Gli ha detto: “Ho accoltellato la mia compagna. Le ho dato tante coltellate che spero sia morta. Io poi mi ammazzo”.

Non lo ha fatto perché i Carabinieri sono riusciti a geolocalizzarlo attraverso lo smartphone e a bloccarlo. A loro ha detto che si sarebbe consegnato solo se fosse stato sicuro che il figlio avuto dalla vittima sarebbe stato tolto alla madre.

Parole deliranti messe nere su bianco su un altro biglietto indirizzato al figlio. Perché il 35enne, agricoltore con diversi precedenti penali, aveva preparato tre brevi lettere: per la madre della ex, per i suoi genitori e per il bambino di appena tre anni.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio