Politica

Andrea Giambruno si scusa per aver definito l’immigrazione “transumanza dei migranti”: «Termine inopportuno, il razzismo lontano anni luce da me»

Il giornalista di Rete4 e compagno della premier Meloni finì nelle polemiche per la frase “il lupo lo trova” riferito agli stupri

MILANO – Nuova ondata di polemiche su Andrea Giambruno, il conduttore di Rete4 e compagno della Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, per una frase pronunciata in diretta.

Dopo la nota vicenda legata ad una frase riferita alle vicende degli stupri di Palermo e di Caivano (“se eviti di ubriacarti, di perdere i sensi magari eviti anche di incorrere in determinate problematiche e poi rischi effettivamente che il lupo lo trovi”), questa volta Giambruno, nella puntata di “Diario del Giorno”, parlando di immigrazione illegale, ha attribuito a Silvio Berlusconi il merito di aver capito tutto sulla “transumanza” dall’Africa e dall’Asia in occidente.

Il conduttore, oggi, si è scusato con una lunga e dettagliata nota, con polemica finale nei riguardi di alcuni colleghi.

“Durante la puntata di venerdì scorso, dedicata al complesso fenomeno dell’immigrazione illegale, ho utilizzato un termine decisamente inopportuno e inappropriato.

Me ne scuso, ovviamente – dice Giambruno -, io in prima persona, con queste persone, con il pubblico da casa e con l’azienda che mi ospita”.

Durante una diretta lo sapete, o almeno chi fa questo mestiere lo sa, si utilizzano migliaia di parole e può capitare a chiunque umanamente di sbagliare – ha detto ancora il conduttore -.

Io lo faccio, ho fatto mea culpa. Lo ripeto, mi sono scusato per l’errore da me commesso, ma le accuse di razzismo che mi sono state rivolte sono lontane anni luce dalle mie idee, dalla mia storia e ovviamente anche da questa azienda che mi ospita”.

Questa la polemica finale del giornalista di Rete4: “In chiusura un ringraziamento anche a quei colleghi, quelli bravi s’intende, che ogni giorno mi spiegano e mi dicono quello che devo dire o non dire – ha detto -.

A quelli che sono così bravi, io dico solo una cosa: vi ringrazio sentitamente, vi sono molto riconoscente, ma davvero molto”. 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio