Attualità

Carabiniere in pensione diventa diacono a Carpi. Ennio Apicella: “Resto al servizio degli altri”

CARPI – Da maresciallo maggiore dei carabinieri, Ennio Apicella, che si appresta ad andare in pensione all’età di 55 anni (e 37 di servizio), il prossimo 14 ottobre a Carpi, in provincia di Modena, verrà ordinato diacono dal vescovo Erio Castellucci.

A raccontare la vicenda in questi giorni è la stampa modenese, dove Apicella ricostruisce la sua storia, dalla divisa dei militari dell’Arma, indossata per ben 25 anni nella provincia di Modena, alla vocazione.

“Mia madre mi ha sempre detto che ero già carabiniere prima di nascere – ricorda Apicella – Quando ero piccolo e mi chiedevano cosa volessi fare da grande io rispondevo: il carabiniere, perché per me era ed è simbolo di onestà e di sicurezza per tutti. Penso ci sia un forte legame tra fare il carabiniere e il diacono. Il primo è al servizio dei cittadini, tra loro e con loro.

Il diacono si mette al servizio di quelle persone che sono sole o sono povere; è colui che all’interno del mondo lavorativo, nella vita privata, tra gli amici, porta la parola di Dio. Non predica il Vangelo al lavoro o per strada, ma con l’esempio di una vita corretta lo trasmette. Nella mia vita professionale è ciò che ho fatto: ho suscitato a tutti interesse per questa affinità”.

Una scelta che è costata sacrifici, “studiavo di notte o quando avevo le ferie. Sicuramente la mia vocazione ha ‘fatto capolino’ anche nel ruolo professionale: quando mettevo le manette a qualcuno – conclude Apicella – cercavo sempre di farlo redimere, per cercare un’altra strada, quella di una vita onesta”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio