Salute

Come se non bastasse il “long-Covid”, arriva il “long-raffreddore” che ha fra i sintomi più comuni la… diarrea

LONDRA – Non esiste solo il long-Covid, uno studio della Queen Mary University di Londra, pubblicato sulla rivista EClinicalMedicine edita da The Lancet svela che si possono manifestare sintomi a lungo termine – o “long-raffreddore” – anche dopo infezioni respiratorie acute che risultano negative al test COVID-19.

Tra i sintomi più comuni del “long-raffreddore” vi sono tosse, mal di stomaco e diarrea a distanza di oltre 4 settimane dall’infezione iniziale.

I risultati suggeriscono che potrebbero esserci impatti a lungo termine, attualmente non riconosciuti, sulla salute a seguito di infezioni respiratorie acute non COVID, come raffreddori, influenza o polmonite.

La ricerca ha confrontato la prevalenza dei sintomi a lungo termine dopo un episodio di COVID rispetto a un’altra infezione respiratoria acuta, analizzando i dati di 10.171 adulti.

«Abbiamo indagato 16 sintomi diversi segnalati nel long COVID – spiega all’Ansa l’autrice Giulia Vivaldi -: tosse eccessiva, disturbi del sonno, di memoria, difficoltà di concentrazione, dolore muscolare o articolare, disturbi di gusto o olfatto, diarrea, dolore addominale, cambiamenti nella voce, perdita di capelli, battito cardiaco accelerato insolito, svenimenti o vertigini, sudorazione insolita, mancanza di respiro, ansia o depressione e affaticamento.

Le persone con infezione precedente da SARS-CoV-2 o precedenti infezioni respiratorie acute (ARI) non COVID erano entrambe più a rischio di segnalare sintomi rispetto alle persone senza infezioni segnalate.

Mentre i guariti dal Covid erano più propensi a segnalare tutti i sintomi esaminati – continua – quelle con infezioni non COVID segnalavano quasi tutti i sintomi, ad eccezione dei problemi di gusto o olfatto e perdita di capelli. I sintomi più comuni riscontrati sono tosse eccessiva e problemi gastrointestinali come diarrea e dolori addominali».

Il tempo medio trascorso dall’infezione era diverso tra i due gruppi: i guariti dal covid segnalavano i loro sintomi in media 44 settimane dopo l’infezione, mentre le persone con infezioni non COVID segnalavano i loro sintomi in media 11 settimane dopo l’infezione.

«Per ora – conclude – non abbiamo prove che questi ‘lunghi raffreddori’ abbiano gravità e durata simili al long COVID». (Ansa)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio