Lifestyle

Da “a gettone” a “digitale”: non sparirà la vecchia, cara, complice cabina telefonica. Il progetto sarà realizzato da Tim

ROMA – Lo avevano temuto in tantissimi, soprattutto coloro che hanno dai cinquanta in su. Quando le prime ruspe, con camion al seguito, hanno “tirato” via le prima cabine telefoniche “a gettone” a molti venne il magone in gola.

Quante telefonate per la strada, alla fidanzata o al fidanzato, oppure come punto di incontro o semplicemente per far finta di telefonare e scambiarsi un bacio.

Insomma, quella decisione sembrò spazzare via un mondo. E invece no. La bella notizia, per chi tale può considerarla, arriva da Tim che trasformerà le cabine telefoniche tradizionali, “a gettone” o a scheda”, in “cabine telefoniche digitali”.

Le cabine del telefono di Tim, che Agcom ha autorizzato a rimuovere non saranno rottamate, quindi, ma trasformate in “stazioni intelligenti”, un nuovo punto di riferimento in città per i servizi che offriranno.

Nel più ampio progetto sul gender gap, sono state pensate anche come un presidio di sicurezza attraverso uno speciale tasto “Women+”, che in tempo reale collega ad un servizio di supporto con un operatore per segnalare, gestire ed assistere la persona che ne faccia richiesta.

L’avvio del progetto inizierà da Milano, dove saranno progressivamente installate circa 450 postazioni per poi estendersi a 13 principali città per 2.500 cabine. 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio