Esteri

Guidano l’auto per 320 chilometri per punire la madre che gli aveva tolto i videogiochi. Protagonisti due bimbi americani di 10 e 11 anni

FLORIDA – Sono rimasti a dir poco esterrefatti i “Cops” americani della Florida quando hanno accertato che alla guida di una auto segnalata come scomparsa c’era un bambino di 10 anni con la sorella di 11.

Motivo della “fuga”? Semplice, si erano arrabbiati con la madre che aveva loro sequestrato, per punizione, i videogiochi elettronici. E allora, stando a quanto raccontato dai due bambini ai sempre più increduli poliziotti, è stato immediato l’istinto di farla grossa.

Sono usciti, hanno preso le chiavi dell’auto della madre e sono partiti.

Hanno percorso la bellezza di 320 chilometri fino a quando non sono stati fermati ad Alachua, lontanissimo da North Porth, in Florida, loro luogo di residenza e da dove la madre aveva denunciato la loro scomparsa e quella sua vettura.

L’ufficio dello sceriffo ha rassicurato che non c’è motivo di credere che i due bambini siano stati maltrattati a casa. «I nostri detective – ha affermato lo sceriffo – hanno parlato a lungo con la madre, che stava chiaramente facendo del suo meglio per crescere due bambini piccoli ed è stata molto ricettiva alle raccomandazioni fornite per aiutarla a ottenere assistenza».

L’età legale per ottenere un permesso di guida in Florida è di 15 anni, mentre i conducenti devono avere 18 anni per richiedere una licenza completa.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio