Esteri

Israele tra appelli per una tregua a Gaza e timori per il dopoguerra

(Adnkronos) –  Truppe israeliane all’interno di Gaza City e decine di civili evacuati al Sud della Striscia nella finestra di quattro ore concessa ieri dalle Idf. “Migliaia” secondo il primo ministro Netanyahu i terroristi di Hamas uccisi “dall’alto e dal sottosuolo”.

Ma a un mese dall’attacco allo Stato ebraico, e dalla risposta israeliana, cresce la pressione internazionale per una tregua. Tregua che l’esercito israeliano e il premier, tuttavia, respingono con forza. Israele “non si fermerà. Non ci saranno ingressi di lavoratori, non ci sarà cessate il fuoco senza il ritorno a casa degli ostaggi”, ha spiegato ancora ieri Netanyahu, che ha promesso “la distruzione completa” di Hamas come condizione per lo stop al conflitto.

A insistere per una pausa umanitaria sarebbero in particolare gli Usa con il presidente Joe Biden che, secondo quanto riferisce Axios, durante una telefonata il 6 novembre avrebbe lanciato un appello a Netanyahu per uno stop di tre giorni nei combattimenti a Gaza. Stati Uniti, Israele e Qatar starebbero infatti discutendo una proposta in base alla quale “Hamas rilascerebbe 10-15 ostaggi e utilizzerebbe la pausa di tre giorni per verificare l’identità di tutti gli ostaggi e fornire un elenco dei nomi degli ostaggi”, secondo una fonte citata dalla testa americana.

Ma a preoccupare gli Usa non è ‘solo’ lo stop temporaneo al conflitto. Pesano infatti anche i possibili scenari del dopoguerra. La Casa Bianca ha infatti messo in guardia Israele dal rioccupare Gaza dopo che lunedì scorso Netanyahu ha spiegato che lo Stato ebraico avrà la “responsabilità generale della sicurezza” nella Striscia per un “periodo indefinito” dopo la fine della guerra. “In termini generali, noi non sosteniamo una rioccupazione di Gaza e neanche Israele la sostiene”, le parole di un portavoce del dipartimento di Stato, Vedant Patel. Mark Regev, consigliere senior di Netanyahu, ha poi precisato che il piano postbellico di Israele non sarebbe una “occupazione continua” di Gaza, descrivendo invece qualcosa di “più fluido” e flessibile.

La richiesta di una tregua, domandata a gran voce da Onu e associazioni umanitarie, è arrivata ieri anche dal primo ministro belga Alexander De Croo che – riporta la Cnn – ha affermato che gli attacchi israeliani contro le infrastrutture civili a Gaza sono “sproporzionati” e “non accettabili”, riferendosi specificamente all’attacco israeliano al campo profughi di Jabalia.

Un portavoce del Cremlino ha chiesto inoltre “pause umanitarie”, esprimendo profonda preoccupazione per la “catastrofica” situazione umanitaria. E il segretario generale dell’ONU ha intanto ribadito le sue richieste per un “cessate il fuoco umanitario immediato”.

Ma il portavoce dell’Idf, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che non ci sarà alcun cessate il fuoco e ha ripetuto l’affermazione di Israele secondo cui Hamas sta usando “la sua popolazione come scudo umano”.

Le forze di difesa israeliane affermano intanto di aver “attaccato oltre 14.000 obiettivi terroristici” nell’ultimo mese, eliminando molti militanti di Hamas e distruggendo infrastrutture e armi chiave. Nel nord, le truppe dell’Idf sono nel “cuore della città di Gaza” e prendono di mira i comandanti di Hamas, ha detto il ministro della Difesa Yoav Gallant. Netanyahu ha quindi affermato che “Gaza City è circondata” e che l’Idf “opera al suo interno” e “aumenta la pressione esercitata su Hamas ogni ora e ogni giorno”. Intanto ieri un totale di 637 cittadini stranieri sono stati evacuati da Gaza all’Egitto attraverso il valico di frontiera di Rafah, ha spiegato alla Cnn un funzionario egiziano.

Si tratta del numero giornaliero più alto da quando sono iniziate le evacuazioni la scorsa settimana. Inoltre, 15 palestinesi feriti sono arrivati in Egitto per essere curati attraverso il confine, ha aggiunto. Più del 70% delle 10.305 persone uccise a Gaza dal 7 ottobre ad oggi “erano bambini, donne e anziani”, ha affermato ieri in un rapporto il ministero della Sanità palestinese a Ramallah.

Il portavoce dell’Unicef James Elder ha quindi difeso l’accuratezza dei numeri del bilancio delle vittime riportati da Gaza, affermando che i numeri dell’organizzazione sono strettamente allineati con quelli del ministero della Salute controllato da Hamas nell’enclave.

—internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio