Cronaca

La19enne di Palermo violentata il 7 luglio scorso da sette ragazzi ribadisce le accuse davanti al gip: “Nessun rapporto consensuale”

PALERMO – Due stanze diverse. Lei in quella che generalmente i giudici usano come camera di consiglio, loro in un’aula del palazzo di giustizia. Loro potevano vederla, lei non poteva vedere loro. 

Una sorta di faccia a faccia di oltre sei ore quello tra la 19enne violentata a Palermo il 7 luglio scorso e sei dei sette giovani da lei accusati dello stupro.

Il settimo del “branco” era minorenne la notte degli abusi e comparirà davanti al giudice dei minori. La vittima, lucida, pacata si è presentata all’incidente probatorio chiesto dalla Procura che ha voluto sentirla in un contesto protetto, a porte chiuse, e risparmiarle lo stress psicologico del dibattimento. 

Gli indagati, tutti in stato di detenzione – il riesame ha respinto una ad una le loro richieste di scarcerazione – erano presenti e hanno ascoltato il racconto della ragazza.

“Volevo stare solo con Angelo Flores”, ha detto la 19enne negando di essersi appartata con i sette per avere con loro un rapporto di gruppo. Con Flores, il più grande degli accusati, aveva già avuto incontri sessuali, ne era innamorata. 

E’ stato lui a riprendere gli abusi col cellulare e a condividerli con gli amici. Due brevi frame dell’orrore che, dopo la denuncia della vittima, sono diventati anche una delle maggiori prove a carico dei ragazzi. Al gip la 19enne, per mesi trasferita in una comunità protetta e oggetto di minacce da parte dei parenti degli indagati, ha raccontato di avere incontrato il gruppo alla Vucciria, nel centro storico, di aver bevuto e di essersi allontanata con loro raggiungendo il Foro Italico. Poi la violenza.

“Non erano rapporti consensuali”, ha ribattuto ai legali. La vittima ha retto il confronto con i difensori. Arrivata in tribunale da un ingresso laterale, ad accompagnarla c’era il fidanzato.

Accanto a lei, per tutta la durata della testimonianza, anche una psicologa. Il racconto è stato preciso e in tutto conforme a quello che la giovane aveva già fatto ai carabinieri dopo lo stupro: le botte, le violenze, le richieste di aiuto ai passanti rimaste inascoltate.

I sei hanno sentito in silenzio fin quando la ragazza ha raccontato di essere stata picchiata durante gli abusi. Allora hanno cominciato a rumoreggiare e a mostrare insofferenza e a quel punto il procuratore aggiunto Laura Vaccaro e i pm Mario Calabrese e Monica Guzzardi hanno chiesto al gip di intervenire.

Il giudice è intervenuto anche bloccando le insistenti domande dei legali sulle abitudini sessuali della 19enne che infastidita dall’insistenza, dei difensori è sbottata: “ma quante domande fate?”.

Il gip li ha interrotti impedendo – ha detto – “una incursione nella sfera privata che non c’entra col processo”. La parola ora passa alla procura che probabilmente chiederà per tutti il giudizio immediato. Mossa a cui i legali potrebbero rispondere con una istanza di abbreviato facendo acquisire agli atti anche perizie e carte a sostegno della loro tesi secondo la quale la vittima sarebbe “poco credibile”.

(Ansa)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio