Lifestyle

L’opera del Teatro Carlo Felice debutta in chemioterapia. Nicolini: “Nella speranza che musica dia un minimo di sollievo”

GENOVA – La musica per alleviare le sofferenze e le preoccupazioni di chi sta attraversando un periodo difficile a causa della malattia.

Con questo nobile fine la prima dell’opera lirica “A midsummer night’s dream” del Teatro Carlo Felice di Genova è stata infatti trasmessa nella sala di somministrazione della chemioterapia del “cancer center” all’ospedale San Martino.

Si tratta dell’anteprima dell’opera scelta per inaugurare la stagione lirica e sinfonica 2023-2024 del teatro.

Un’iniziativa nell’ambito del progetto di ‘prima diffusa’ sostenuto dalla Regione Liguria per “condividere con i cittadini e con il territorio un momento importante per il panorama culturale genovese”.

“Sono venuta nella sala di somministrazione della chemioterapia del ‘cancer center’ dell’ospedale San Martino di Genova dove si stanno diffondendo le note di ‘Midsummer Night’s dream’, che questa sera debutterà al Teatro Carlo Felice di Genova – commenta la coordinatrice per le Politiche culturali della Regione Liguria Jessica Nicolini -.

Entrare in questa sala significa respirare dolore e sofferenza ma per fortuna anche tanta speranza. E noi speriamo che la musica, l’arte e la bellezza possano poter dare anche un minimo sollievo a queste persone in un momento così difficile”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio