Politica

Meloni: “Mi preoccupa la difesa corporativa dei magistrati”

ROMA – Sulle “motivazioni di quella sentenza, che si occupa di un migrante, fra l’altro già destinatario di un provvedimento di espulsione, con tesi francamente incomprensibili, tipo le caratteristiche fisiche del migrante adatte ai cercatori d’oro in Tunisia, io non sono d’accordo.

La difesa corporativa che vedo dall’altra parte piuttosto mi preoccupa, perché come un magistrato è libero di dire che un provvedimento del governo è illegittimo, il governo può dire che non è d’accordo senza che questo voglia dire attaccare una categoria”. Così la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, a Sky Tg24 nell’ambito delle celebrazioni ‘Sky 20 anni’

Il governo ricorrerà in Cassazione contro l’ordinanza della giudice di Catania che ha annullato il trattenimento nei Cpr di quattro migranti. Lo ha annunciato alla Camera il ministro Nordio.

“Questo ministro è in perfetta sintonia con l’indirizzo della presidente del Consiglio, cioè perfettamente in linea con ciò che ha detto Meloni”. Lo ha detto parlando di sé in terza persona il ministro della Giustizia Carlo Nordio a proposito del caso della giudice di Catania che ha revocato il trattenimento di quattro migranti da un Cpr.

 “Abbiamo esaminato il provvedimento con attenzione e trovato criticità nell’interpretazione di alcune norme che sono complesse. Nella parte motiva ci sono distonie di ordine tecnico che stiamo valutando assieme ai ministero degli interni che proporrà con noi ricorso per Cassazione” ha detto Nordio al questione time parlando.

“Non mi pare che sia in atto uno scontro istituzionale o che le espressioni usate dalla presidente del Consiglio abbiano per oggetto uno scontro istituzionale. La magistratura è ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere come stabilito dalla Costituzione. Nessuno vuole mettere in discussione il patrimonio della sua autonomia e indipendenza” ha detto il Guardasigilli.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio