Cronaca

Muore dopo un mese di agonia la 48enne data a fuoco dal vicino di casa a causa di un lenzuolo che ostruiva il suo box

NAPOLI – È morta questa mattina dopo oltre un mese di agonia, a causa delle complicazioni generate dalle ustioni riportate, la donna cui il 5 settembre scorso a Quarto, nel Napoletano, fu dato fuoco da un vicino al termine di una lite condominiale per futili motivi.

La vittima è Antonella Iaccarino, 48 anni.

La salma è stata sequestrata e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria per gli esami autoptici.

Al centro della contesa un lenzuolo steso dalla donna e che a detta del 53 enne Francesco Riccio, già noto alle forze dell’ordine, ne ostruiva l’accesso al suo box.

Di qui la reazione sfociata in una lite e il tragico epilogo con la donna cosparsa di liquido infiammabile e poi data alle fiamme con un accendino.

L’aggressore fu arrestato dai carabinieri intervenuti in via De Gasperi. La donna fu invece portata all’ospedale Cardarelli con varie ustioni sul corpo. Fino all’epilogo di stamattina.
   

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio