Attualità

Non può entrare al cimitero con la bici per andare a trovare la moglie: 87enne fa ricorso al Tar

TREVIGLIO – Per lui l’uso della bicicletta per raggiungere la tomba della moglie Anna, sepolta nel cimitero di Treviglio (Bergamo), è fondamentale perché a 87 anni per camminare deve utilizzare un bastone mentre sulle due ruote se la cava ancora bene.

Tuttavia ora Leonardo Colombo Giardinelli non potrà più accedere al camposanto della cittadina della Bassa bergamasca, la seconda per numero di abitanti, 31 mila, dopo il capoluogo.

Il Consiglio comunale ha infatti approvato una modifica al regolamento comunale che vieta a chiunque di entrare nel cimitero con la bicicletta per motivi di decoro.

Lo scorso maggio la stessa decisione era stata presa dal Comune tramite una determina dirigenziale e così il pensionato ottantasettenne aveva fatto ricorso al Tar, ottenendo una sospensiva e potendo continuare a entrare in bici al cimitero.

Ora lui, così come chiunque altro, non potrà più farlo: con la modifica al regolamento tutti i permessi come il suo – ottenuto lo scorso gennaio dopo aver presentato un certificato medico – sono stati infatti cancellati.

Il Comune guidato dal sindaco leghista Juri Imeri ha messo a disposizione una caddy car del tipo di quelle che girano nei campi da golf, ma per l’anziano non è sufficiente visto che il veicolo circola solo un’ora al giorno. La modifica è passata con i voti della maggioranza, contraria l’opposizione. Ora l’anziano sta predisponendo un nuovo ricorso al Tar. 
   

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio