Cronaca

“O mi paghi, o rivelo la nostra relazione sessuale”. Donna arrestata per estorsione

ROVIGO – La Guardia di Finanza di Rovigo ha arrestato una donna in flagranza ritenuta per estorsione ai danni di un uomo che veniva dalla donna ricattato e minacciato di rivelare ai parenti dello stesso di aver avuto con lui un rapporto sessuale.

Le investigazioni hanno avuto origine proprio dalla denuncia della vittima del reato che, un anno prima, aveva conosciuto la donna su un social e non riusciva a trovare via d’uscita dalle continue minacce e richieste estorsive di denaro e altri beni avanzate dalla stessa, per cui si è rivolto alle Fiamme Gialle in cerca di aiuto.

Gli inquirenti, dopo aver ricostruito l’accaduto, hanno effettuato un pedinamento per intercettare e documentare l’estorsione di denaro.

Le banconote oggetto della richiesta estorsiva, quindi, è stato preparato e segnato, messo in una busta e lasciato nella cassetta postale riservata alla pubblicità del condominio di residenza della donna, proprio come dalla stessa richiesto e all’orario concordato.

Dopo qualche minuto la donna è sceso, ha controllato che nessuno la vedesse per poi prendere la busta col denaro.

In quel momento i militari, che appostati avevano osservato tutta la scena, sono intervenuti, rinvenendo sulla donna il denaro con i numeri seriali precedentemente annotati ed arrestando così in flagranza di reato la donna.

Nella successiva perquisizione domiciliare i finanzieri hanno trovato materiali ritenuti in ipotesi accusatoria pertinenti al reato.

La Procura di Rovigo ha chiesto la convalida dell’arresto con rito direttissimo e misura cautelare. Presso il Tribunale di Rovigo, il giorno successivo, il provvedimento restrittivo è stato convalidato dal Gip che ha disposto per la donna la misura cautelare dell’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria nonché il divieto di avvicinamento alla vittima del reato ad una distanza inferiore ai duecento metri.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio