AttualitàEsteri

Raccoglie 25mila firme e salva Fiona, la pecora “più sola al mondo”. L’animale era intrappolato da due anni sugli scogli di un fiordo scozzese

MODENA – Un imprenditore informatico quarantenne modenese che dal 2007 vive a Londra lancia una petizione su Change.org e, grazie alle 25mila firme raccolte in quattro giorni, riesce a far salvare ‘Fiona’, definita sul web la pecora più sola al mondo dato che da due anni si trovava imprigionata su uno scoglio nei fiordi scozzesi del Cromarty Firth, a Nord di Inverness.

A riportare la storia, che vede protagonista Edoardo L’Astorina, è il Resto del Carlino. È lo stesso imprenditore a raccontare la vicenda.

Controllando le notizie su Google – dice L’Astorina – sabato scorso, da appassionato di animali, mi sono imbattuto in quella di una pecora intrappolata in una remota baia della Scozia.

Io e la mia ragazza abbiamo immediatamente aperto una petizione su Change.org e al contempo ho chiamato i giornalisti che si erano occupati anche marginalmente della notizia.

In molti mi hanno risposto e hanno condiviso la petizione: ad esempio tabloid come Daily Star o Daily Mail.

Nella prima notte eravamo a due firme – continua l’Astorina -, la mia e quella della mia ragazza. Alla domenica sono arrivate altre duecento firme e abbiamo sfondato quota mille lunedì, trovandoci a oltre 25mila firme martedì pomeriggio: un numero impensabile”.

Così la petizione, di cui hanno parlato anche Guardian e Sun, raggiunge il suo obiettivo: ‘Fiona’, la pecora, viene salvata.

“Alcuni ‘farmers’ locali si sono organizzati e sabato sono andati a prenderla, un’operazione delicata di alcune ore, ma alla fine di successo. L’hanno trasferita in una fattoria, Dalscone Farm, in un paesino che si chiama Dumfries”, conclude il modenese L’Astorina. 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio