Cultura

Ricostruito il volto della mummia Juanita in Perù. L’adolescente Inca fu sacrificata alle divinità a 6.000 metri

LIMA – Un’equipe internazionale di archeologi di Svezia, Polonia e Perù ha svelato il volto della mummia di una giovane adolescente Inca conosciuta come Juanita o la Fanciulla del ghiaccio, rinvenuta 28 anni fa a 6.318 metri di altezza su un fianco del vulcano peruviano Ampato.

Iniziati nel 2018 con l’utilizzazione di tecnologie avanzate, gli studi sulla mummia hanno in un primo momento mostrato che si trattava di una giovane adolescente di 13-15 anni, sana al momento del sacrificio eseguito con un colpo alla testa, e realizzato in una cerimonia di Capacocha (rituale di gratitudine alle divinità Inca).

Successivamente i ricercatori, fra cui quelli del Centro di studi andini dell’Università di Varsavia, in Polonia, e dell’Università cattolica di Santa María (Ucsm) di Arequipa, in Perù, hanno lavorato alla ricostruzione del suo volto, visibile in una mostra nel Museo dei santuari andini della Ucsm ad Arequipa.

Là i visitatori possono ammirare varie gigantografie con informazioni sulla cerimonia di Capacocha e, attraverso ologrammi di realtà virtuale, seguire il percorso da Cusco all’Ampato innevato dove è stato effettuato il sacrificio umano.

Il direttore della ricerca per la Ucsm, Gonzalo Dávila del Carpio, ha precisato che, attraverso una serie di tecniche forensi che includevano scansione laser, tomografia computerizzata, risonanza magnetica e analisi del Dna effettuate sulla mummia di Juanita, è stato possibile ricostruire il suo corpo, e quindi il volto, in forma tridimensionale.

Da parte sua la coordinatrice e ricercatrice del progetto, Dominica Sieczkowsra, ha spiegato che per giungere al risultato finale “è stato realizzato come base un cranio in silicone.

Quindi sono stati aggiunti i tessuti molli e i muscoli, passo dopo passo”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio