Esteri

Spagna: incendio in tre discoteche a Murcia, 13 morti. Il fuoco scoppiato in una si è propagato alle altre due. Ancora persone disperse

MURCIA – Sale a tredici il numero dei morti dell’incendio che ha coinvolto tre discoteche adiacenti a Murcia, nel sud della Spagna.

Il rogo è partito dal locale La Fonda. Da là le fiamme si sarebbero propagate a due locali confinanti. Tutte le vittime si trovavano a La Fonda, come confermato dalla Polizia.

In un clima di grande tensione per la strage, le autorità spagnole in serata non hanno escluso che tra le 15 persone che risultano ancora disperse ci siano le 13 vittime i cui corpi sono stati già trovati dai soccorritori.

Al momento ci sono anche 4 feriti: due donne di 22 e 25 anni e due uomini di 41 e 45 anni, tutti intossicati dal fumo. Non è ancora chiara la causa delle fiamme che sono state domate.

A nome del governo, su X, è intervenuta la vicepresidente Yolanda Diaz: “Seguiamo con preoccupazione la notizia della tragedia di Murcia. Il mio affetto a tutte le persone colpite e le mie condoglianze alle loro famiglie”.

L’incendio che questa mattina ha colpito diverse discoteche del quartiere Las Atalayas di Murcia è il più mortale registrato in Spagna ai tempi della tragedia vissuta nel 1990 nella discoteca Flying di Saragozza, dove morirono 43 persone.

La più grande tragedia avvenuta in una discoteca spagnola ebbe luogo invece a Madrid il 17 dicembre 1983, quando le fiamme devastarono i locali dell’Alcalá 20 causando la morte di 81 persone, la maggior parte delle quali molto giovani.

Dopo quell’incendio la Spagna approvò moltissime norme per aumentare la sicurezza nei locali.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio