Cronaca

Truffa fondi Covid e favori al clan, cinque arresti. Tra loro anche un carabiniere

CATANIA – Cinque persone arrestate e altrettante sottoposte a misure cautelari personali, come l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e di dimora nel Comune in cui abitano.

E’ il provvedimento restrittivo eseguito dalla polizia di Catania nell’ambito di un’inchiesta della Dda su un presunto sodalizio criminale dedito alla commissione di falsi per l’indebita percezione di contributi pubblici consistenti per fronteggiare l’emergenza economica conseguita alla pandemia da Covid-19.

Tra le persone arrestate Gabriele Santapaola, di 39 anni, dell’omonima famiglia mafiosa, e un brigadiere dei carabinieri, Paolo Marragony, che lo avrebbe favorito.

L’ordinanza è stata eseguita da agenti dello Sco di Roma, della Questura di Catania e del Reparto prevenzione crimine. L’inchiesta si basa su indagini condotte tra il marzo 2021 e il novembre dello stesso anno.

Secondo l’accusa, i finanziamenti garantiti dallo Stato sarebbero stati erogati sulla base di documentazione falsa e presentata da persone che non avevano i presupposti di legge.

(Ansa)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio